PROVE DI PERSECUZIONE RELIGIOSA DA PARTE DEGLI LGBT PALERMITANI
Commenti disabilitati su PROVE DI PERSECUZIONE RELIGIOSA DA PARTE DEGLI LGBT PALERMITANI

PROVE DI PERSECUZIONE RELIGIOSA DA PARTE DEGLI LGBT PALERMITANI

Attualità

Palermo, 9 giugno 2017 – Iniziative lesive della libertà religiosa e attacchi contro le scuole e gli enti religiosi, l’insegnamento della religione cattolica, le processioni e le celebrazioni religiose, invocando azioni repressive e di persecuzione amministrativa.

È quanto emerge dal documento redatto da Arcigay Palermo, Coordinamento Palermo Pride e Unione Atei e Agnostici Razionalisti e indirizzato ai candidati alle elezioni amministrative del Comune di Palermo. Un testo che contiene anche riferimenti alla legge cosiddetta antiomofobia, in realtà una vera e propria legge liberticida, alle unioni civili (matrimonio omosessuale), alla stepchild adoption (che apre alla possibilità dell’aberrante pratica dell’utero in affitto). Riferimenti che fanno capire come le associazioni firmatarie mirino solo a veder realizzati i propri desideri, senza lasciar il minimo spazio, nemmeno di parola e pensiero, a chi propone un modello di società diverso.

Per questo Alleanza Cattolica, associazione ecclesiale che si dedica allo studio e alla diffusione della Dottrina Sociale della Chiesa – pur ribadendo il proprio rifiuto per ogni forma di violenza, prevaricazione ed ingiusta discriminazione – esprime profonda preoccupazione per le esplicite minacce, gravemente lesive della libertà religiosa degne dei peggiori totalitarismi del secolo scorso e dei tanti regimi ancora oggi purtroppo presenti nel mondo.

Alleanza Cattolica coglie infine l’occasione, in un’epoca dominata da una profonda crisi antropologica prima ancora che economica, per richiamare tutti – ed in particolare quanti ricoprono incarichi politici ed istituzionali – a focalizzare la propria attenzione e la propria azione su alcuni ambiti di primaria importanza per il futuro della nostra società. In particolare: il rispetto della dignità della persona umana; la tutela del diritto alla vita dal concepimento al termine naturale; la promozione della famiglia quale società naturale fondata sull’unione tra un uomo ed una donna e la difesa della libertà di religione e di educazione, con particolare attenzione al tema della diffusione dell’ideologia gender nella scuole.

Back to Top