Attività di natura religiosa a scuola, comunicato stampa del 13/03/2014

Attualità

Alleanza Cattolica in Sicilia – avendo appreso dagli organi di informazione della diffida dall’autorizzare lo svolgimento di attività di natura religiosa, inviata ai Dirigenti scolastici della Regione Sicilia dal Coordinamento Regionale Siciliano dei COBAS – intende ribadire l’importanza dei valori religiosi per la crescita umana e civile degli studenti e la necessità di tutelare e promuovere il diritto costituzionale alla libertà religiosa. Alleanza Cattolica sottolinea inoltre la parzialità della già citata comunicazione dei COBAS, che sembra ignorare il consolidato orientamento giurisprudenziale (ordinanze nn. 391/93 e 392/1993 del Consiglio di Stato e sentenza n. 3635/2007 del Tar Veneto), la legislazione vigente in materia (DPR n. 567/1996 recante la “Disciplina delle iniziative complementari e delle attività integrative nelle istituzioni scolastiche”) e la prassi interpretativa (Parere Avvocatura Generale dello Stato 8 gennaio 2009). Alla luce dei dati forniti risulta infatti la piena legittimità delle deliberazioni di attività extracurricolari di carattere religioso, senza che queste possano configurare fattispecie di reato o comportamenti sanzionabili.

Back to Top